Cartoline Geraci . . .

Geraci Siculo, abitato fin dai tempi preistorici. I Greci, insediatosi nelle Madonie intorno al 550 a.c. lo chiamarono Yerax.

Subì la dominazione bizantina e poi normanna. Notizie certe si hanno a partire dall'840, la data che indica la conquista saracena della Sicilia. Sotto i normanni venne ceduta da Ruggero I a Serlone suo nipote divenendo Contea (1063).

Dopo diverse vicende ai Ventimiglia (1252) divenne capitale della contea giungendo ad amministrare la giustizia e a coniare monete proprie (sec. XIII - XVII). Uno stato nello stato.

Con Delibera Decurionale n. 18 del 12 aprile 1863, tenuto presente l’annessione fatta della nuova Provincia al Regno d’Italia, tenuto presente che esistono due Paesi con la stessa denominazione “Geraci”, uno in Calabria e l’altro il nostro, si chiese e ottenuto aggiungere al nome del nostro Paese “Geraci” il sostantivo “SICULO”.

Oggi in termine dialettale e affettuoso tutti noi chiamiamo Geraci, IRAGGI. 

Geraci Siculo, il gusto di vivere la storia. Cartoline, foto panoramiche anni '30 - '50 - '60 . . . . 2000 . . . .2020 . . . .

Autentica località madonita caratterizzato, da suggestivi vicoli medioevali, fiancheggiati da graziose casine in pietra nel cuore del parco delle Madonie.

Dall’alto dei suoi 1100 metri è una località in cui ci si può rilassare godendosi aria pura e tranquillità assoluta. Nel periodi invernali, partendo dai ruderi del Castello in cui risiedeva il Conte Giovanni Ventimiglia, il paesaggio si ricopre di neve, imbiancando i tetti spioventi delle case e le stradine fino ad arrivare nella parte nuova del paese. E’ nel periodo estivo invece che il paese offre il meglio di se stesso, con temperature gradevoli.

Passeggiando per i vicoli si ha la fortuna di respirare ancora gli odori di una volta, quando il pane e la pasta si facevano in casa, e si possono gustare gli squisiti prodotti tipici come i formaggi o la ricotta, i dolci come i “cassati” i 'taralli', “agniddri pasquali” u “pani cu lievitu di casa” e tante altre prelibatezze.

- Oggi le antiche tradizioni, ( suini permettendo ) sono pressappoco ancora vigenti.

San Bartolomeo

Dio vi Vi Salvi, San Bartolo,
benignu Protetturi,
dilettu a lu Signuri, assai dilettu, 
  e nui fra tanti affanni,
custritti di campari,
a chianciri e lacrimari semu forzati.
  E nun putennu affattu
a Dio così placari,
nemmeno soddisfari la sua giustizia,
  Ne li bisogni nostri
ci aviti a consolari,
ci aviti a prosperari sin’a la morti.
             
Perciò ccu veru affettu,
o Santu protetturi,
lu vostru gran favuri mustrati in terra.
  Pregati Iddio pregati,
potenti Vui Patruni,
innanzi lu gran tronu santu e divinu.
  La gran vostra amicizia
ch’in cieli ccu Dio aviti,
fa cchi tuttu putiti ccu la presenza.
  Ppi aviri poi la sorti,
comu vostri clienti,
godirvi eternamenti in Paradisu.
             
L’Infernu ci sutterra,
la carni ci cuntrasta,
lu munnu ci suvrasta ccu tant’inganni;
  Nui Sempri di continuu
truvannici aggravati
di tanto inquitati ch’avemu fattu: 
  Gran Patri di clemenza,
muvitivi a pietati,
e nun abbannunati li figghi vostri.
   

 

[ . . . . ] Li Vistiamara,
vita dura assai amara:
'stati e nviernu nta li pagghiari:
tri misi l'annu putìanu quaghiari.
 
Scarpi di pilu, ruocciuli e gammali,
ncirata, cazi di pieddi e appriessu all'armali:
un piezzu di pani nta sacchina,
curriennu sempri muntata e pinnina.
 
Ma puru ppi iddi cangiau la sorti
e si sièntinu abbastanza forti:
li trazzeri addivintaru stratuna
e si ficiru machini e stalluna [ . . . . ]
 
"CAV. Giuseppe Neglia"

Dediche speciali