Top Panel
FacebookTwitterLinkedIn
A+ R A-

News

Geraci Siculo . . . . non è solo Geraci!! è . . . . da . . . VIVERE!!!

Abitato fin dai tempi preistorici, i Greci, insediatosi nelle Madonie intorno al 550 a.c. lo chiamarono Yerax.  

Subì la dominazione bizantina e poi normanna. Notizie certe si hanno a partire dall'840, la data che indica la conquista saracena della Sicilia.

Sotto i normanni venne ceduta da Ruggero I a Serlone suo nipote divenendo Contea (1063). Dopo diverse vicende ai Ventimiglia (1252) divenne capitale della contea giungendo ad amministrare la giustizia e a coniare monete proprie (sec. XIII - XVII). Uno stato nello stato.

Le foto del momento . . . . !!!

GeracSiculo, abitato fin dai tempi preistorici. I Greci, insediatosi nelle Madonie intorno al 550 a.c. lo chiamarono Yerax.

Subì la dominazione bizantina e poi normanna. Notizie certe si hanno a partire dall'840, la data che indica la conquista saracena della Sicilia. Sotto i normanni venne ceduta da Ruggero I a Serlone suo nipote divenendo Contea (1063).

Dopo diverse vicende ai Ventimiglia (1252) divenne capitale della contea giungendo ad amministrare la giustizia e a coniare monete proprie (sec. XIII - XVII). Uno stato nello stato.

________            

Festeggiamenti Maria SS. Annunziata 2017

3 Maggio 2017 - “PANI E PARADISU, PIETA’ MISERICORDIA SIGNURI”.

Tutti i geracesi, da sempre, hanno mostrato profonda venerazione per il SS. Crocefisso, la cui festa, come antica tradizione ha luogo il tre maggio.

La magnifica statua lignea è venerata nella Chiesa di Santa Maria La Porta. La festa è preceduta da un ottavario. Tutti i geracesi e anche molti emigrati per otto giorni sia la mattina alle 8:00 che la sera alle 19:00, si recano in chiesa per recitare la “Coroncina” seguita poi dalla Messa solenne. [ . Continua . . ]

Festeggiamenti del Ringraziamento 2016 - 24 Settembre 2016

Festeggiamenti San Bartolomeo 2016 - 22-23 Agosto 2016

Festeggiamenti San Bartolomeo 2016 - 24 Agosto 2016

Festeggiamenti San Giacomo 2016

XXVIII Giostra dei Ventimiglia

Geraci Siculo per tre giorni è piombata nel medioevo per la ventottesima edizione della Giostra dei Ventimiglia, Madonie tradizioni nobiliari e contadine. Tre giorni immersi nei fasti di quella che fu la capitale della contea dei Ventimiglia, la nobile e potente famiglia d'origine ligure che tra il XIII e il XVII secolo fece di Geraci Siculo la capitale di un vasto stato.

A far rivivere l'epopea medievale, di questo antico borgo, tra i più belli d’Italia, sono stati i cavalieri, provenienti dalle comunità che facevano parte dell’antica Contea.
Il centro madonita è stato animato da cortei in costumi d'epoca, musiche e rappresentazioni con figuranti, animazione medievale con giullari, sbandieratori, menestrelli, mangiafuochi. [ Continua ]

Il clou della manifestazione si è avuto domenica 07 agosto. Lo start alle 10 con gli sbandieratori di Vicari che si sono esibiti per le vie cittadine. Alle 10,30 le autorità e cavalieri sono stati accolti presso la sede della capitale della Contea. Alle 11,00 in piazza del Popolo i partecipanti al torneo equestre, hanno giurato fedeltà davanti alle autorità militari e civili, seguito dallo spettacolo degli sbandieratori. [ Continua ]

Contest La Mia PHOTO SPOT per Geraci Siculo

Niente come la foto, riesce a raccontare con emozione e sincerità le meraviglie del luogo, l’architettura e gli spazi abitati, la natura, le tradizioni, gli abitanti e i loro mestieri, il paesaggio e l’ambiente, in una parola a raccontare Geraci.

Partecipa anche tu, attraverso una foto o più.

Presenta e racconta le meraviglie di Geraci, la sua architettura, i suoi spazi, la natura, le tradizioni, gli abitanti i loro mestieri, il paesaggio e l’ambiente.

Le migliori foto, che potete inviarmi attraverso un mex su fb del profilo fb Hyeracij Project o attraverso un e.mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., verranno pubblicate in un album unico, dal Titolo: La mia PHOTO SPOT per GERACI SICULO.

Il signor Pietro Chichi, con grande emozione, nella sua poesia Geraci, scrive:

Vecchio Paese mio quanto mi piaci,

io ti ricorderò quasi notte e giorno,

o paese mio che sei Geraci,

aspettami che un dì farò ritorno.

Emozionaci e raccontaci il tuo punto di vista.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Privacy Policy. Per saperne di piu'

Approvo